Bogliasco - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Bogliasco
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: BOGLIASCO
 Bogliasco è un comune di 4.619 abitanti della provincia di Genova. È una cittadina tranquilla, adatta anche per la villeggiatura. È il primo comune che si incontra procedendo da Genova verso la Riviera ligure di levante. Con i comuni di Camogli, Recco, Pieve Ligure e Sori fa parte del Golfo Paradiso. Il mare è pulito e le spiagge si alternano a profonde e caratteristiche scogliere. È possibile praticarvi il surf. L'entroterra è quello tipico del levante ligure, in parte a fasce coltivate ad olivo, con possibilità di escursioni. Il toponimo è composto dal termine Boggi, accompagnato dal suffisso -asco. Alcuni studi fanno derivare il nome da boggio (alveare) riferendosi ad una presunta produzione di miele nella valle. Studi più recenti e forse più accreditati collegano l'origine del nome dalla parola genovese bœggi - in italiano buchi - data la presenza di pozze nel torrente Bogliasco e il suffisso -asco sarebbe un suffisso prettamente ligure. In conclusione il toponimo Bogliasco starebbe a significare torrente con buchi o nella prima ipotesi torrente degli alveari.
  Negli anni ottanta la Soprintendenza Archeologica della Liguria avvia, in località Nasoni, uno scavo archeologico con il risultato del ritrovamento di pietre scheggiate - utensili risalenti al Paleolitico Medio ed altre riconducibili al Mesolitico. Sempre nella stessa località, posta a circa 750 m. s.l.m. sulle pendici del monte Cordona, sono stati trovati reperti databili all'epoca imperiale romana confermando l'ipotesi che già allora il percorso che dalla Val Fontanabuona si dirigeva alla riviera era utilizzato come località di transito dalle truppe romane. Altra testimonianza dell'occupazione romana la si può trovare nel ponte romano che attraversa il torrente quasi alla sua foce. La costruzione attuale risale al XIII secolo e radicali interventi di ristrutturazione furono fatti nel XVII secolo. Dopo la dominazione dei Bizantini, passò sotto il controllo dei Longobardi dal 641, occupazione condotta da Rotari. I Franchi occuperanno poi le terre dei Liguri per poi arrivare dopo l'anno 1000 alla costruzione del dominio genovese del quale il borgo di Bogliasco ne farà parte. Come altri comuni liguri fu fino al X secolo vittima di frequenti incursioni dei pirati barbareschi.
  A partire dal XII secolo diverrà parte integrante della Repubblica di Genova che sottoporrà il borgo marinaro nel Capitanato di Recco e proprio a partire da questo periodo appaiono i primi documenti ufficiali, atti notarili per lo più, inerenti a vendite di terreni, case, mulini o sepolture. Al 1182 risale il primo documento che attesta la presenza della chiesa parrocchiale a Bogliasco dedicata poi alla Vergine Maria. Molti bogliaschini parteciparono alle guerre della repubblica genovese contro i suoi storici rivali. Nell'assedio della roccaforte di Ventimiglia del 21 maggio 1238 dove il borgo vi partecipò utilizzano proprie navi, un abitante di Bogliasco in servizio alla flotta genovese, guidando un gruppo di soldati, corse con il vessillo genovese lungo le pendici del monte e giunto sulla cima collocò la bandiera di San Giorgio. Il 12 aprile 1274 un popolano di Bogliasco chiamato Pietro combatté contro Carlo I d'Angiò, tiranno di Sicilia e nemico di Genova.
  Nel 1432, nella guerra tra Genova e Venezia, un gruppo di galee veneziane arrivarono nel golfo ligure, dapprima raggiunsero e misero a ferro e fuoco le cittadine di Zoagli, Rapallo e Santa Margherita Ligure, poi giunsero a Bogliasco distruggendo case e alberi. La popolazione in vista dell'imminente pericolo si diresse immediatamente nel borgo di Sessarego, posto sulle alture ed all'epoca praticamente invisibile dal mare scongiurando la morte certa. La peste giunta in Liguria nel 1656, causò numerose vittime tra la popolazione locale che saranno 139 nell'anno successivo (1657). Nel XVIII secolo, con la dominazione francese di Napoleone Bonaparte nel 1797, si costituì comune autonomo e sottoposto nella nuova Repubblica Ligure. Seguì poi le sorti del Regno di Sardegna dal 1815 e del Regno d'Italia, fino alla nascita della Repubblica Italiana.